Questo articolo non vuole fare chiarezza nel rapporto tra autismo e vaccini, non perché non ci sia la voglia di farlo ma perché non c’è alcuna prova che dimostri, inequivocabilmente o meno, questa relazione.

Come in ogni giallo che si rispetti , le prove sono solo indiziarie; scienziati affermano, senza ombra di dubbio , su pubblicazioni indexate (cioè che hanno valore scientifico) che non esiste una relazione tra Autismo e vaccini.
Scienziati affermano, senza ombra di dubbio, che nei vaccini le sostanze adiuvanti, ad esempio l’alluminio, siano neurotossiche e infiammano il sistema nervoso.

Altri Scienziati sostengono , che senza vaccini le , possibili epidemie, potrebbero creare danno soprattutto agli immunodepressi.

Altri studiosi dicono invece che i virus , vivi e attenuati, un po’ come fa il virus dell’herpes, si potrebbe nascondere dentro il Dna e , quando per motivi sconosciuti, esprime se in modo subclinico, questo virus potrebbe divenire una sostanza capace di generare risposte immunitarie autoimmuni.

Chi dice il vero?

Non credo che si tratti di soldi; molti, da entrambi i lati, sono in buona fede.

Sta di fatto che diversi genitori affermano che, i loro figli, che giocavano e interagivano in modo normale, dopo il vaccino hanno sviluppato febbre, convulsioni … ed alcuni di essi hanno sviluppato una delle sindromi dello spettro autistico .
Prima si affermava che l’autismo era colpa dell’educazione dei genitori, poi che l’età in cui si sviluppa lo spettro autistico è quella dei vaccini per cui la correlazione è solo temporale.

In ogni caso è importante capire perché un bambino diventa autistico, vaccino o non vaccino , ancora oggi non si conoscono cause della sindrome  e strategie per riportare il sistema nervoso centrale in equilibrio valido per tutti i bambini.

Sarebbe fondamentale studiare, dal punto di vista immunologico, tutti i bambini, prima del vaccino, con uno screening che permetta di valutare le loro difese se sono in grado di sostenere un carico immunologico importante( i virus vengono inoculati nel corpo e in natura, non esiste questa modalità infettiva) ovvero se hanno sviluppato anticorpi contro antigeni  ( cosa frequente soprattutto nei bambini allattati al seno) in modo da evitare il vaccino corrispondente.

La scienza non dovrebbe avere i paraocchi e studiare , a fondo, i motivi dello spettro autistico dal punto di vista immunologico o infettivo è indispensabile

Libri sui disordini dello spettro autistico 

Libri sui vaccini